Trekking a Gorropu

Escursione a Cala Goloritzè

Difficoltà: medio-bassa
Attrezzatura necessaria*: scarpe da trekking, acqua, snack per il pranzo, costume da bagno

 
Descrizione escursione
Partenza in vettura da Ghenn’e Silana direzione Baunei lungo la s.s 125 Orientale Sarda, arrivati al centro abitato del paese si percorre una strada secondaria che porta all’altopiano del “Golgo” sino alla località “Su Porteddu”, qui si trova un ampio parcheggio per le vetture e inizia il sentiero a piedi che si snoda all’interno di Baccu Goloritzè.
Il percorso sino alla spiaggia dura circa un’ora e mezza con un dislivello notevole.

 
Cala Goloritzè è una delle tante suggestive insenature del golfo di Orosei, riconoscibile dal suo caratteristico arco naturale sul mare e dall’Aguglia, dichiarata Monumento Naturale dell’Unesco e meta ambita dai climbers.
Una delle sue singolarità è data dalla presenza di sorgenti sottomarine d’acqua dolce,a ulteriore testimonianza dell’attività carsica di profondità.
Per il rientro si ripercorre lo stesso sentiero a ritroso, oppure nei periodi estivi, rientro con il gommone a Santa Maria Navarrese e poi con transfer (prenotato con qualche giorno di anticipo) rientro alla propria auto sull’altopiano del Golgo.

 
*Possibilità di pranzi al sacco e noleggio attrezzatura da trekking quali scarponi, zainetti,
bacchette da nordic wolking.

Escursione a Cala Luna

Difficoltà: medio-alta
Attrezzatura necessaria*: scarponi da trekking, acqua, abiti freschi sportivi, costume da bagno

 
Descrizione escursione
Seguire con la propria auto la SS 125 verso Baunei, pochi chilometri dopo il bivio per Urzulei girare a sinistra vs Telethotes.
Percorrere tutta la strada sino ad arrivare al fiume.
Attrezzarsi con il necessario per il trekking. Saltare il fiume e costeggiarlo.
Si arriverà così a Cala Luna dopo circa 3-4 ore di cammino.
Per il rientro è possibile:

  • ripercorrere lo stesso itinerario fatto all’andata;
  • prendere un sentiero per Cala Fuili (Cala Gonne) di circa h 1.30;
  • tornare via mare, in barconi che nei mesi da Maggio a Ottobre viaggiano in diverse ore del giorno da e per Cala Gonone. Un transfer prenotato per tempo vi riporterà in hotel.

Escursione sulle creste della Codula di Luna

Difficoltà: bassa
Attrezzatura necessaria*: scarponi da trekking, acqua, abiti freschi sportivi.

 
Descrizione escursione
Dall’Hotel Gorropu prendere la propria auto. Seguire la SS 125 verso Baunei, pochi chilometri dopo il bivio per Urzulei, girare a sinistra verso Telethotes.
Percorrere la strada sino a “su coile de Bastianu”. Bastianu (Sebastiano) sarà la vostra guida per questo itinerario. Vi porterà lungo le creste che sovrastano la Codula di Luna, con viste mozzafiato.

Escursione a Gorropu

Difficoltà: medio-facile
Attrezzatura necessaria*: scarponi da trekking (in alternativa scarpe da ginnastica robuste), 1 lt d’acqua, abiti sportivi, zainetto.

 
Descrizione escursione
Si parte dall’Hotel Gorropu a piedi imboccando un sentiero in discesa all’interno di una foresta di lecci con vecchissime specie di dimensioni eccezionali, alternati a boschi di corbezzolo e ginepro davvero monumentali. Nell’itinerario si possono ammirare vecchi insediamenti pastorali composti da barracu (ovile in tronchi di ginepro) e corte (ricinto per le capre).
Il sentiero è un alternarsi di pietraie con panorami mozzafiato e boschi fino all’approssimarsi al canyon in cui si possono osservare giganteschi esemplari di Terebinto.
Dopo circa due ore di cammino si raggiunge il rio Flumineddu che si presenta con delle bellissime pozze d’acqua fresca e cristallina in cui ci si può anche fare il bagno.
Passate alcune pozze d’acqua si raggiunge la sorgente Gorropu nella quale dissetarsi e riempire le borracce.

 
La sorgente Gorropu segna anche l’inizio della gola. Infatti, a 20 metri dalla risorgiva si trova il punto info di accesso al canyon. Inizia così la visita all’interno della gola di Gorropu (durata circa 1 ora) in cui ci si inoltra per circa 700 metri, osservando, stupefatti, l’enorme lavoro che l’acqua del Flumineddu ha fatto nei milioni di anni sugli enormi massi calcarei.
L’origine marina è testimoniata anche dalla presenza di fossili come ammoniti, alghe, pesci, etc. All’interno si troveranno anche esemplari millenari di Fillirea latifolia e Tasso (Taxus baccata) oltre che altre numerose specie endemiche della Sardegna, ma a confermare l’unicità microclimatica del canyon troviamo l’Aquilegia di Gorropu o Aquilegia nuragica,endemismo che, su tutto il pianeta, vegeta in pochissimi esemplari solo all’interno del canyon.

 
Al termine della visita al canyon ci si incammina per circa 45 minuti lungo un sentiero pressocché in piano che costeggia il Rio Flumineddu e una volta attraversato il fiume in un punto ben preciso e ben segnato, si arriva in località “Su monte Orrubiu” in cui troverete le jeep per il rientro all’Hotel Gorropu.

*Possibilità di pranzi al sacco e noleggio attrezzatura da trekking quali scarponi, zainetti,
bacchette da nordic wolking.